Motori Green è tutto ciò che c'è da sapere sul mondo dei motori elettrici.

Green News Commenti (0) |

Enel, a Vallelunga il primo circuito Smart Racing d’Italia

Enel X continuerà a testare le sue tecnologie di ricarica delle auto elettriche e per il motorsport sul circuito di Vallelunga, vicino Roma. La business line del Gruppo Enel dedicata ai prodotti innovativi e soluzioni digitali, ha infatti rinnovato la partnership con l’autodromo gestito da ACI Vallelunga, con l’obiettivo di creare il primo Hub dell’e-mobility e Smart Racing Circuit d’Italia.

Il circuito di Vallelunga, grazie alla lunghezza della pista, consente di poter ricaricare e scaricare in sicurezza e in modo efficace i veicoli elettrici rivelandosi per Enel X il luogo ideale per effettuare i test di compatibilità delle auto con tutte le infrastrutture di ricarica esistenti e in via di sviluppo. A Vallelunga infatti saranno provati più di 20 modelli di auto elettriche ogni anno e l’Enel X Lab gestirà anche i test di impatto elettrico sulla rete (power quality), preservandone la stabilità.

“La conferma della partnership con Vallelunga rafforza un binomio che in questi anni ha consentito a Enel X di diventare un punto di riferimento nel settore del motorsport e di promuovere la diffusione della mobilità elettrica nel Paese – ha commentato Alberto Piglia, responsabile e-mobility di Enel X. “Il circuito di Vallelunga rappresenta, per la lunga storia e il know-how del team di professionisti che ci lavorano, un polo strategico per lo sviluppo delle tecnologie di ricarica”.

Enel X installerà all’interno dei box dell’autodromo di Vallelunga caricatori ad alta potenza (fino a 120 kW) che permetteranno di ricaricare 7 veicoli contemporaneamente. Si tratta di high charger all’avanguardia che contribuiranno a rendere Vallelunga il primo Smart Racing Circuit d’Italia. Inoltre, all’interno del Centro di guida sicura di Vallelunga verrà realizzato l’X-Room, uno spazio dedicato alla mobilità elettrica di Enel X che potrà essere utilizzato come sala meeting.

“Siamo lieti di poter continuare la collaborazione con Enel X e di mettere a disposizione i nostri impianti per l’importante attività di sviluppo dei progetti in ambito del motorsport e della mobilità elettrica – ha dichiarato Carlo Alessi, presidente ACI Vallelunga S.p.A. “Grazie alla tecnologia di cui Enel X ha dotato i nostri impianti, l’Autodromo è considerato ormai una struttura all’avanguardia in Europa per le attività di ricerca e sviluppo e di testing, presentazione e lancio di veicoli elettrici”.

Leggi di più

Green News, News Commenti (0) |

Mobilità elettrica, enormi riduzioni di inquinanti nell’aria: ecco le prove

Negli scenario al 2050, riduzioni di diossido di azoto fino al 90% e di aoltre il 30% per i Pm10

Diossido di azoto (NO2) ridotto drasticamente anche fino al 90%. Abbattimento molto significativo anche per le Pm10, intorno al 30%. E’ il migliore degli scenari dello studio firmato dall’Istituto per l’inquinamento atmosferico del Cnr in collaborazione con Motus-E, l’associazione per lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia, per la valutazione della dispersione in atmosfera e della ricaduta al suolo degli inquinanti primari e il relativo impatto emissivo nelle città di Torino, Milano,  Roma, Bologna, e Palermo.

Ad esempio a Torino, negli scenari futuri assistiamo ad una netta riduzione del diossido di azoto (NO2) passando da una percentuale del 61% al 2025 fino ad arrivare ad una riduzione del 93% al 2030. Per il PM10, negli scenari futuri assistiamo ad una netta riduzione passando da una percentuale del 36% al 2025 fino ad arrivare ad una riduzione del 39% al 2030.

Anche a Roma si prospetta una netta riduzione delle concentrazioni medie orarie di NO2 che passa da una percentuale del 53% al 2025 fino ad arrivare ad una riduzione del 89% al 2030.  Bene anche per le PM10: da una percentuale del 36% al 2025 fino ad arrivare ad una riduzione del 42% al 2030.

A Milano la riduzione delle concentrazioni di diossido di azoto passa da una percentuale del 62% al 2025 fino ad arrivare ad una riduzione del 84% al 2030. Mentre per le PM10 si denota una riduzione delle concentrazioni, passando dallo scenario 2025 allo scenario 2030, rispettivamente del 36% e del 41%.

Lo studio – spiegano Cnr e Motus-E – esamina e confronta due scenari prospettici, rispettivamente al 2025 e al 2030, dell’attuale parco circolante di veicoli relativi variabilmente ai comparti del trasporto privato, della logistica dell’ultimo miglio e del trasporto pubblico locale su gomma delle sei città italiane oggetto di studio.

Lo scenario base è stato calcolato ricorrendo alla stima delle sole concentrazioni degli inquinanti PM10 e NO2 partendo dai flussi veicolari reali – relativi alle 24 ore, tenuto conto dei dati meteo di un giorno tipico feriale invernale – per determinare le emissioni per ogni arco stradale che compone la rete viaria cittadina, fornendo una stima del contributo del traffico dei veicoli nell’area in esame (non sono state considerate tutte le altre fonti di emissioni).

Gli scenari prevedono l’incremento della percentuale di penetrazione delle tecnologie ibride plug-in/elettriche sul parco veicolare circolante considerando contemporaneamente la riduzione delle percentuali relative alle tecnologie a combustione interna quali benzina e diesel.

Per Francesco Petracchini, Direttore del Cnr-Iia, “lo studio rimarca l’importanza dell’attività scientifica dell’Istituto a supporto delle pubbliche amministrazione per fornire elementi necessari per la comprensione dei benefici ambientali connessi all’utilizzo di tecnologie pulite. Nello specifico del progetto il Cnr-Iia ha valutato i miglioramenti della qualità dell’aria in ambito urbano prospettando diversi scenari di penetrazione della mobilità elettrica.”

«Con questo studio – dichiara il segretario generale di Motus-E Dino Marcozzi – grazie alla collaborazione del Cnr abbiamo un quadro ben preciso sui benefici ambientali dati alla mobilità elettrica nelle città italiane. Inoltre, le nostre stime sulla penetrazione dei veicoli elettrici fino al 2030 vedono un trend di crescita sempre più positivo riconfermando come la mobilità sostenibile a zero emissioni sia una concreta realtà da raggiungere per il benessere dell’ambiente e del nostro Paese.»

Leggi di più

Green News, News Commenti (0) |

Volkswagen trasforma l’isola greca di Astypalea in un hub di mobilità elettrica

Il progetto prevede la sostituzione di circa 1.500 veicoli con motore a combustione con circa 1.000 veicoli elettrici

Il gruppo Volkswagen fornirà veicoli elettrici, punti di ricarica e servizi di car sharing ecologico a una piccola isola della Grecia.

L’amministratore delegato di Volkswagen Herbert Diess e il vice ministro degli esteri greco Konstantinos Fragogiannis hanno firmato un memorandum d’intesa in occasione di un evento virtuale per il progetto sull’isola di Astypalea, la più occidentale dell’arcipelago del Dodecaneso, a ovest di Kos.La Grecia si affida da tempo al carbone, ma il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis si è impegnato ad allontanare il paese dai combustibili fossili e a promuovere l’uso delle energie rinnovabili.

“Credo fermamente nelle partnership. I governi non possono farcela da soli e il settore privato non è la risposta ad ogni domanda”, ha detto Mitsotakis, che si è unito all’evento.Astypalea (Stampalia in italiano), una popolare destinazione turistica con 1.300 abitanti, attualmente ha un servizio di trasporto pubblico molto limitato con soli due autobus e la domanda di energia è quasi interamente soddisfatta dai combustibili fossili.

Leggi di più