Motori Green è tutto ciò che c'è da sapere sul mondo dei motori elettrici.

Green News, In evidenza Commenti (0) |

Audi sviluppa il riciclo fisico della plastica

Audi sta sviluppando un inedito metodo per il riciclo fisico delle materie plastiche che andrà ad aggiungersi ai già consolidati processi di riciclo meccanico e chimico. Il progetto viene portato avanti in collaborazione con l’Istituto Fraunhofer per l’Ingegneria Industriale e l’Imballaggio.

Audi mira a integrare i cicli chiusi dei materiali all’interno della filiera produttiva. La Casa dei quattro anelli implementa molteplici progetti pilota di riciclo e riutilizzo delle materie prime e dei componenti. Maturando esperienza con nuove tecniche di lavorazione e produzione dei derivati, il Brand persegue l’obiettivo di sostituire progressivamente i materiali primari rinnovabili e non rinnovabili. I componenti provenienti dal riciclo e dal riutilizzo vengono valutati sotto il profilo dell’investimento di risorse necessario per garantire loro una “seconda vita”: ciò che non risulta sostenibile viene accantonato sin dalla fase sperimentale.

Dato che non tutti i tipi di plastica possono essere differenziati e riciclati allo stesso modo, Audi sviluppa diverse strategie d’azione: meccanica, chimica e, in fase sperimentale, fisica. “Il Brand mira a individuare molteplici materiali che possano sostituire la plastica e, qualora questo non sia possibile, a recuperare virtuosamente i componenti plastici, così da chiuderne il ciclo di vita”, afferma Mike Herbig, Responsabile del Team Polimeri Audi.

Attualmente, per la produzione di una vettura viene fatto ricorso in media a oltre 200 kg di materie plastiche e compositi: ad esempio paraurti, calandre e molteplici parti dell’abitacolo e del sistema di climatizzazione. Quando le auto giungono a fine vita, questi scarti, a volte misti, vengono in massima parte frantumati meccanicamente e separati dagli altri materiali per poi essere trasformati in granuli riutilizzabili.

Gli standard qualitativi che i componenti plastici Audi devono rispettare sono particolarmente elevati. Standard che vengono estesi anche ai prodotti provenienti dal riciclo. Tra questi spiccano la sicurezza in caso d’impatto e la resistenza al calore, agli agenti atmosferici e a elementi esogeni quali solventi, lubrificanti e fluidi idraulici. Sono altresì fondamentali la stabilità dimensionale, la durata nel tempo e la conservazione del feeling tattile e del layout estetico originali per l’intero ciclo di vita del veicolo. Non meno rilevanti i requisiti di sostenibilità ambientale.

Il riciclo meccanico è soggetto a dei limiti qualora le plastiche si presentino sotto forma di compositi, ovvero con l’aggiunta di adesivi, rivestimenti e riempitivi quali la fibra di vetro. Un ulteriore ostacolo è rappresentato dal progressivo decadimento delle qualità strutturali, proporzionale ai cicli di lavorazione meccanica. Di norma, le plastiche riciclate meccanicamente non sono più adatte all’ambito automotive, specie per quanto concerne i componenti che incidono sulla sicurezza.

Per ovviare alle problematiche del riciclo meccanico, in partnership con gli scienziati del Karlsruhe Institute of Technology (KIT), Audi ha sviluppato il riciclo chimico della plastica. Il progetto ha sancito come sia tecnicamente possibile smaltire i rifiuti plastici misti ottenendo un sottoprodotto da destinare al riutilizzo, con vantaggi tanto ambientali quanto economici.

Componenti giunti a fine vita come serbatoi del carburante, copricerchi e griglie radiatore vengono così trasformati in olio di pirolisi. Le qualità di questo olio, definito bio-greggio, corrispondono a quelle dei derivati del petrolio e i materiali realizzati mediante olio pirolitico garantiscono le stesse caratteristiche dei componenti originali. In aggiunta, quanto prodotto con il bio-greggio può essere ulteriormente recuperato e riciclato. L’olio di pirolisi può sostituire il petrolio quale materia prima nella produzione di componenti plastici, con costi parificabili a quanto richiesto dal mero smaltimento meccanico.

Audi mira ad affiancare al riciclo meccanico e chimico un innovativo processo di riciclo fisico dei rifiuti plastici di derivazione automotive. La Casa dei quattro anelli, in collaborazione con l’Istituto Fraunhofer per l’Ingegneria Industriale e l’Imballaggio, ha sviluppato un progetto pilota il cui obiettivo consiste nel trattare le plastiche con elevati livelli di contaminazione, generate in primis dalla mancata dissezione del veicolo.

Diversamente dal riciclo chimico, la plastica non viene trasformata in un diverso sottoprodotto, bensì dissolta mediante solventi. Ciò significa che non avviene alcuna degradazione chimica e che le catene polimeriche rimangono intatte. “Vengono utilizzate come solventi solamente sostanze non nocive”, spiega Martin Schlummer dell’Istituto Fraunhofer. “I solidi in grado di interferire con il risultato finale del riciclo fisico vengono separati”. Analoga sorte per componenti aggiuntivi quali i ritardanti di fiamma, dissolvibili separatamente dalla soluzione plastica. I solventi vengono quindi destinati all’evaporazione e immessi nuovamente nel ciclo. In seguito all’essiccazione si ottiene un granulato plastico con un elevato grado di purezza, dalle qualità pari al materiale primario.

Audi mira a incrementare la quantità di granulato così ottenuto, affinando la tecnica di produzione e testandone la sostenibilità economica. La cosiddetta “plastica con un vissuto alle spalle” verrà trasformata in componenti secondari. Ad esempio il regolatore dell’altezza delle sedute. Quest’ultimo di piccole dimensioni, ma con elevati standard di resistenza e durata. In futuro, Audi prevede di sfruttare le diverse tecnologie di riciclo in modo complementare.

In futuro, Audi intende incrementare la percentuale di materiali riciclati presenti nelle vetture. Già oggi, un esemplare di Audi Q4 e-tron può contare su 27 componenti realizzati con prodotti secondari, tra i quali il rivestimento delle cerniere delle portiere, le cornici e i gusci dei passaruota nonché gli spoiler aerodinamici in corrispondenza delle ruote.

Quanto all’abitacolo, vengono prodotti facendo ricorso a plastica riciclata il rivestimento del pianale e del vano bagagli oltre a gran parte delle superfici isolanti. La configurazione degli interni S line, dalla vocazione sportiva, permette inoltre di optare per rivestimenti in similpelle e microfibra Dinamica. Quest’ultima simile visivamente e al tatto alla pelle scamosciata, ma in ampia parte (45%) realizzata mediante poliestere riciclato ricavato dalle bottiglie in PET. Per il rivestimento di un sedile di Audi Q4 e-tron vengono riciclate 26 bottiglie di plastica da 1,5 litri.

Audi ospita la seconda edizione dell’Environmental Week: il format interattivo promuove il trasferimento di conoscenze e vuole incoraggiare le persone a mettere in discussione i propri comportamenti. L’iniziativa può contare su oltre 50 progetti sviluppati dai collaboratori dell’Azienda e su molteplici discussioni con esperti in materia di protezione dell’ambiente, riciclo, riduzione della carbon footprint, conservazione dell’acqua e alimentazione.

Potrebbe interessarti – Audi Battery Technology Center, dove nascono le batterie dei quattro anelli

Leggi di più

Green News, In evidenza Commenti (0) |

Renault porta l’elettrificazione al salone IAA Transportation di Hannover

Renault

Renault è lieta di contribuire al ritorno del Salone IAA Transportation di Hannover, 4 anni dopo l’ultima edizione.

Lo stand del costruttore è un bell’esempio della portata della sua esperienza nel 100% elettrico nel settore dei veicoli commerciali.

La Marca ha creato questo segmento più di 10 anni fa, offrendo al grande pubblico Renault Kangoo Electric, insignito fin dal lancio, nel 2011, con il premio International Van Of The Year, che a quei tempi era una novità assoluta per un veicolo di questo tipo.

Anche Renault Master, il secondo veicolo più venduto della categoria, di cui sono state prodotte oltre 3 milioni di unità dal 1980, è proposto in versione elettrica da oltre 5 anni, contribuendo così all’immancabile leadership della Marca nel segmento dei veicoli commerciali elettrici.

Oggi, Renault presenta Trafic Van E-Tech Electric, prima versione elettrificata del best seller Renault Trafic Van.

Come per gli altri modelli commerciali, la versione elettrica non fa compromessi rispetto alla versione termica e propone la stessa diversità e lo stesso livello di prestazioni e adattabilità alle esigenze dei clienti.

Renault Trafic Van E-Tech Electric eredita, quindi, tutte le qualità che hanno decretato il successo di questo modello, di cui sono stati venduti 2,2 milioni di unità in oltre 50 Paesi in tutto il mondo dal 1980., e rientra nella TOP 3 dei furgoni leggeri (segmento Van1) più venduti in Europa.

Fedele al suo DNA, il furgone è uno strumento ideale per gli operatori professionali in virtù della sua grande capacità di carico, la modularità e l’ampia scelta di versioni disponibili.  

Presenta nuovi dispositivi di sicurezza, un sistema multimediale moderno e una gamma di motorizzazioni ampliata e migliorata.

Trafic Van E-TECH continua ad offrire le migliori opzioni dei furgoni in termini di lunghezza, modularità e personalizzazione di gestione dello spazio:

  • Disponibile in due lunghezze (5,08 m e 5,48 m) e due altezze (1,967 m et 2,498 m)
  • Volume di carico (in modalità furgone) che va da 5,8 m3 a 8,9 m3
  • Disponibile con pianale-cabina
  • Lunghezza di carico fino a 4,15 m (nella versione L2 più lunga con lo sportello “carico lungo” che si apre nella paratia)
  • Dotato di motore da 90 kW (120 cv) con una capacità di traino di 750 kg e una capacità di carico di 1,1 tonnellate
  • Batteria da 52 kW con un’autonomia di 240 km* WLTP
  • Per ricaricare la batteria, Nuovo Kangoo Van E-Tech Electric propone la scelta tra 3 tipi di caricabatterie:
    • Caricabatterie AC 7 kW monofase, adatto a tutti i tipi di prese domestiche.
    • Caricabatterie AC 22 kW per la ricarica rapida sulle colonnine pubbliche
    • Caricabatterie DC 50kW (in opzione) per la ricarica rapida su autostrada, che gli permette di passare dal 15 all’80% di ricarica in 50 minuti

L’anno scorso, Renault ha presentato, sulla base del modello Trafic, la showcar Hippie Caviar Hotel, per rispondere alla crescente voglia di evadere e godersi la natura in un ambiente idilliaco, con tutto il comfort e i servizi di un albergo 5 stelle.

Renault presenta ora il secondo atto della sua strategia prodotto per i veicoli del tempo libero, con la showcar Hippie Caviar Motel.

Questo furgone, allestito basandosi su Nuovo Kangoo L2 E-Tech Electric, è un vero e proprio rifugio itinerante, flessibile e dinamico per gli amanti dell’avventura e gli sportivi in cerca di grandi spazi.

A Hippie Caviar Motel, progettata come campo base per spostarsi facilmente da un posto a un altro con i suoi 285 km1 di autonomia, bastano soli 30 minuti di ricarica rapida per riacquisire 170 kmdi autonomia e ripartire alla grande. Il suo motore, che eroga 90 kW (120 cv), è alimentato da una batteria da 45 kWh capace di ricaricare 80 kW in corrente continua.

Diversi scomparti ingegnosi permettono di riporre le attrezzature sportive all’interno o all’esterno del veicolo.  

Dall’immenso tetto panoramico si godono i cieli stellati, dopo aver trasformato i sedili a panchetta in un comodo letto. È anche dotato di barre che consentono di trasportare gli sci, per esempio.  

Questa showcar 100% elettrica rientra perfettamente nella strategia di Renault tesa a ridurre le emissioni di carbonio per tutto il ciclo di vita del veicolo, grazie ai suoi materiali riciclati e riciclabili, come i ripiani in sughero e il pianale in pneumatici riciclati.

Per seguire le ultime novità della Marca Renault: sito media

Leggi anche – Il Gruppo Renault è in anticipo sulla riduzione dei consumi energetici

Leggi di più

Auto, Green News, In evidenza Commenti (0) |

CUPRA: sette secondi per innamorarsi

È uso comune pensare che l’innamoramento provenga dal cuore, ma non è esattamente così che funziona. In effetti, è un processo che inizia nel cervello e quando ci innamoriamo, sostanze chimiche come l’adrenalina vengono rilasciate in pochi secondi. E qualcosa di molto simile può essere sperimentato quando si ammirano quelli che saranno i futuri modelli elettrificati del brand. Le recentemente svelate UrbanRebel, Tavascan e Terramar, riescono a fare innamorare in soli sette secondi. Jorge Díez, Direttore Design CUPRA spiega quali saranno i principali tratti distintivi del design del prossimo futuro per il marchio.

CUPRA
Play

Non guardare indietro. Il punto di partenza fondamentale per il design di CUPRA è poter lavorare in completa libertà. “Progettare il futuro senza guardare al passato è un viaggio spettacolare. Il nostro obiettivo finale è far innamorare le persone delle nostre auto, creando esperienze uniche. Non vogliamo necessariamente piacere a tutti, ma vogliamo che le persone si innamorino perdutamente delle nostre auto”, afferma Jorge Díez. Partendo dall’essenza di questo presupposto, i primi due modelli nativi CUPRA, ovvero CUPRA Formentor e CUPRA Born, hanno ricevuto il prestigioso Golden Steering Wheel nel 2021, uno dei più importanti riconoscimenti dell’industria automobilistica. Lo scorso 7 giugno a Terramar (Sitges), CUPRA ha presentato i suoi modelli elettrificati del futuro, dimostrando l’impegno per un design innovativo che, forte della filosofia CUPRA, riesce a rompere con lo status quo.

CUPRA

Carattere contraddistinto e determinazione. La filosofia su cui si basa il futuro design del marchio è segnata da un forte carattere nelle forme e nelle proporzioni che si riscontrano nei suoi nuovi modelli. “La determinazione sarà fondamentale nelle future CUPRA. È particolarmente evidente sul frontale dove abbiamo simulato i lineamenti di squalo che gli conferiscono un carattere proprio”, afferma Díez. Un altro dei cambiamenti più significativi che si possono vedere nelle future auto sono i nuovi fari triangolari che contraddistinguono il nuovo look delle CUPRA. “I nostri modelli saranno riconoscibili vedendole un secondo solo”.

Sempre avanti. CUPRA guarda al futuro, elemento che il team design voleva poter riflettere in maniera più che concettuale nei suoi modelli. “Le linee sono molto marcate nelle forme laterali, esprimendo sempre una tensione in avanti. Questo dà alle nostre auto un senso di movimento anche quando sono ferme”, secondo Díez. L’abitacolo dei futuri modelli elettrici del brand come la CUPRA UrbanRebel, la CUPRA Tavascan e la CUPRA Terramar è stato progettato quindi secondo questo concetto. “L’abitacolo dà la sensazione di essere un blocco senza soluzione di continuità, come uno scafo, conferendo sempre quel senso di velocità”, afferma Díez.

Degli interni per chi ama guidare. “In CUPRA siamo amanti della guida. Sedersi al volante dei futuri modelli sarà un’esperienza sensoriale dove tutto sarà orientato al piacere di guida e al divertimento”, dichiara Jorge. Tutti gli elementi all’interno dell’abitacolo sono stati progettati ponendo il guidatore al centro dell’attenzione. La sostenibilità è un altro degli elementi essenziali dei nuovi interni, con l’uso di materiali riciclati e l’applicazione di nuove tecniche come il design parametrico e la stampa 3D, conferendogli un nuovo valore. “Tecnologia e sostenibilità andranno di pari passo, tutte finalizzate a regalare emozioni all’istante”, conclude Jorge Díez.

Vedi il video, clicca qui

Leggi di più

Auto, Green News, In evidenza Commenti (0) |

Il Gruppo Renault è in anticipo sulla riduzione dei consumi energetici

I primi risultati della politica di efficienza energetica implementata dal Gruppo Renault un anno fa sono positivi: il Gruppo ha già ridotto di circa il 10% il consumo energetico dei suoi siti in Francia (con il 13% di gas), rispondendo così alla necessità di diminuire complessivamente il consumo energetico in Francia. La riduzione del 10% corrisponde circa al consumo annuale di uno stabilimento.

Gruppo Renault

Adottando una serie di misure ed implementando un’organizzazione dedicata, il Gruppo Renault accelera la sua politica e punta alla riduzione del 14% (di cui il 17% di gas) del consumo energetico nei suoi siti in Francia nel 2023.

Una Task Force per raggiungere un obiettivo ambizioso:

Per accelerare questa trasformazione alquanto urgente, il Gruppo Renault ha creato, a Luglio, la Task Force Energy Crisis. Tra le priorità di questo team dedicato, c’è la riduzione del consumo per veicolo prodotto. Obiettivo che corrisponde ad un calo del 40% del consumo energetico per veicolo prodotto in meno di 5 anni. Questo nuovo obiettivo confermerà la posizione di vantaggio del Gruppo in termini di performance energetica, tra le migliori al mondo dell’industria automotive.

Azioni concrete nei siti:

Gli sforzi compiuti per favorire la sobrietà energetica rientrano nel piano di performance energetica e decarbonizzazione lanciato nel 2021. Tra questi, spiccano 5 punti principali:

  • Riduzione dei consumi energetici al di fuori della produzione: risparmio generalizzato (riscaldamento, produzione di aria compressa, luce) e gestione ottimizzata dei fermi macchina.
  • Durante il periodo di produzione, ottimizzazione delle impostazioni di riscaldamento dei reparti di produzione, logistica e aree terziarie.
  • Monitoraggio quotidiano dei consumi sito per sito e reattività in caso di consumi eccessivi.
  • Piano di investimento di 2,2 milioni di euro nel 2022 per dotare di sensori e contatori connessi i siti in Francia e migliorare, così, ulteriormente la gestione dell’energia e lo sviluppo dei gemelli digitali “energetici” tramite la partnership con Google Cloud.
  • Ottimizzazione dell’impronta immobiliare terziaria ed industriale.

Per saperne di più, ecco i progetti KAIROS (gestione digitale dei reparti di verniciatura),  Adjust’Air (ottimizzazione dei sistemi di ventilazione) e SIEREN (gestione dei consumi di elettricità) selezionati durante l’hackathon tenutosi a Novembre 2021!

Oltre alla performance energetica, il Gruppo Renault ha avviato un piano molto ambizioso di decarbonizzazione ed indipendenza energetica del suo comparto industriale per raggiungere un mix del 50% di energie rinnovabili in Francia, a partire dal 2026, e del 100% nel 2030. Il Gruppo si prefigge l’obiettivo ambizioso di raggiungere la neutralità carbonica nel Centro ElectriCity dal 2025, nei siti di produzione in Europa dal 2030 e in tutti gli impianti industriali nel mondo nel 2050.

Leggi di più

Auto, Green News, In evidenza Commenti (0) |

Nuovo Nissan X-Trail: debutta in Europa il SUV che elettrizza l’avventura

Nissan presenta la quarta generazione di X-Trail, che con oltre 20 anni di storia e 7 milioni di unità vendute nel mondo è uno dei veicoli più popolari della Casa giapponese.

X-Trail

Nuovo X-Trail è il quinto modello elettrificato lanciato da Nissan nel 2022, uno degli anni più importanti di sempre che segna una forte accelerazione verso la visione Nissan di mobilità sostenibile.

La gamma di crossover elettrificati Nissan, la più nuova e completa nel panorama automobilistico italiano, ha un nuovo carattere premium, con elementi tipici del DNA giapponese. Design, contenuti tecnologici, qualità costruttive e qualità dei materiali sono pensati per un cliente più esigente in termini di stile, prestazioni, piacere di guida, sicurezza e comfort.

Design possente e moderno

X-Trail trasmette fiducia e sicurezza al primo sguardo. Gli esterni sono caratterizzati da elementi tipici del design Nissan, come il tetto flottante e la griglia V-Motion, con il frontale impreziosito da gruppi ottici che seguono la linea del cofano.

Alla vista laterale, i generosi passaruota trasmettono robustezza, mentre le modanature disegnano una linea tra passaruota anteriori e posteriori, contribuendo a conferire dinamicità al corpo vettura.

Al posteriore, il montante C, il lunotto e lo spoiler si integrano fra loro per un design elegante e pulito, completato da avvolgenti luci sdoppiate, che garantiscono un’ampia apertura del bagagliaio.

Molte soluzioni studiate per offrire la massima efficienza aerodinamica: deflettori 3D per gli pneumatici; griglia frontale attiva per regolare automaticamente il flusso d’aria nel vano motore; sottoscocca carenato per ottimizzare i flussi sotto la vettura; montante A disegnato per migliorare la penetrazione aerodinamica e un’esclusiva sagomatura del frontale per accompagnare i flussi d’aria ai lati della vettura.

Nuovo X-Trail offre ampio spazio alla personalizzazione, con 10 colori disponibili per la carrozzeria e cinque combinazioni bicolore, per un totale di ben 15 varianti.

Interni premium e funzionali

L’abitacolo del nuovo Nissan X-Trail riscrive gli standard nel segmento per design e praticità. La qualità superiore dei materiali e delle finiture, le tecnologie per il comfort, i sistemi di assistenza alla guida e connettività, il tutto unito al grande spazio a disposizione offrono a guidatore e passeggeri un ambiente comodo, funzionale e rilassante.

Grande attenzione è stata riservata ai pulsanti e agli interruttori presenti nell’abitacolo, che risultano semplici da utilizzare e intuitivi e trasmettono un senso di qualità e modernità alla vista e al tatto.

Nella console centrale è presente il selettore della modalità (e-shifter), insieme a due porta bicchieri e uno slot per la ricarica wireless per gli smartphone da 15w. Il sistema ricarica attivamente la batteria dello smartphone, a differenza di altri sistemi presenti sul mercato che si limitano a evitare che si scarichi.

Trai i sedili anteriori è presente un poggia gomiti all’interno del quale c’è un ampio spazio porta oggetti, che, grazie al sistema di apertura “a farfalla”, è facilmente accessibile anche dai passeggeri dei sedili posteriori. Sotto la console centrale è disponibile un ulteriore e comodo vano in grado di ospitare una borsa o un tablet.

Pratico e versatile

Le portiere posteriori con apertura a circa 90° rendono facili le operazioni di carico e scarico, l’installazione di un seggiolino per bambini o semplicemente l’ingresso in auto.

La seconda fila di sedili si divide in una configurazione 40:20:40, con sportello centrale per il trasporto di oggetti lunghi, come ad esempio gli sci, senza dover abbattere uno dei due schienali. Il divanetto posteriore può scorrere in avanti per massimizzare lo spazio del bagagliaio e consentire un facile accesso alla terza fila nella configurazione sette posti.

I passeggeri del divanetto posteriore possono accedere a comandi dedicati per il sistema di climatizzazione, insieme ad una doppia porta USB di tipo A e C. Tendine oscuranti integrate nelle portiere posteriori proteggono i passeggeri dai raggi solari.

Il nuovo X-Trail è l’unico SUV elettrificato sette posti disponibile sul mercato. I sedili della terza fila sono progettati per ospitare passeggeri fino a 160 cm di altezza e per accedervi basta abbattere il divanetto posteriore.

Il bagagliaio del nuovo X-Trail è “best in class” per lunghezza e larghezza tra i passaruota e risulta ai vertici della categoria per capacità di carico con 585 litri, ben 20 litri in più rispetto alla precedente generazione. Sono state apportate modifiche per facilitare le operazioni di carico e scarico e consentire una migliore organizzazione degli spazi. I pannelli del bagagliaio, che hanno una moquette resistente da un lato e un rivestimento in plastica facile da pulire dall’altro, permettono di realizzare 16 diverse disposizioni per personalizzare al massimo il vano di carico. Il portellone posteriore elettrico è automatico e può essere azionato anche con le mani occupate.

e-POWER, l’elettrico senza spina

Il nuovo X-Trail è il secondo modello della gamma di Nissan in Europa ad essere equipaggiato con l’innovativo sistema di propulsione e‑POWER, un brevetto Nissan che rappresenta un inedito approccio alla mobilità elettrifica.

Nel sistema e-POWER a bordo del nuovo X-Trail, il motore elettrico da 204 CV (150 kW) è l’unico che muove le ruote della vettura e garantisce un piacere di guida tipico di un EV, con accelerazione brillante e una notevole coppia di 330 Nm subito disponibile, ad ogni regime e in ogni circostanza. Spingere a fondo il pedale dell’acceleratore trasmette al guidatore la stessa sensazione che si prova alla guida di una berlina dalle alte prestazioni, ma con maggiore fluidità e progressione nell’erogazione della potenza.

L’energia elettrica necessaria alla trazione è prodotta a bordo della vettura da un raffinato motore turbo benzina tre cilindri da 1,5 litri, capace di garantire la massima efficienza e rendimento grazie all’innovativa tecnologia con rapporto di compressione variabile. Il sistema non prevede ricarica alla spina e per fare il pieno di energia basta riempire il serbatoio di benzina presso un esercente tradizionale.

L’energia prodotta dal motore termico va all’inverter e da questo può essere trasmessa alla batteria, al motore elettrico o a entrambi. In nessun caso la potenza termica viene trasmessa direttamente alle ruote. Tutto è regolato da una sofisticata unità di controllo che ottimizzata i flussi di energia sulla base di una serie di parametri, tra cui lo stato di carica della batteria, le condizioni di guida e la richiesta di forza motrice, e massimizza il tempo in cui il motore termico rimane spento.

Viaggiando a bassa velocità, l’energia prodotta dal motore termico va in parte al motore elettrico e in parte alla batteria e quando quest’ultima è completamente carica, il motore termico si spegne e la macchina procede mossa esclusivamente dalla carica della batteria.

In caso di forte accelerazione o viaggiando ad alta velocità, l’energia necessaria al motore elettrico arriva sia dal motore termico che dalla batteria. L’unità di controllo gestisce anche la fase di rigenerazione, così quando si rilascia il pedale dell’acceleratore o si aziona il freno, il motore elettrico trasforma l’energia cinetica della vettura in energia elettrica che va a ricaricare la batteria.

L’efficienza è uno dei punti di forza di e-POWER, i cui bassi consumi e basse emissioni lo rendono il sistema ideale per ogni tipo di tragitto, ma soprattutto nei contesti urbani e sub urbani, dove i clienti europei di crossover guidano per il 70% del loro tempo.

Per aumentare ulteriormente il comfort acustico di guidatore e passeggeri abituati a viaggiare su vetture tradizionali, è stato creato il Linear Tune, un sistema che garantisce una diretta connessione tra il numero di giri del motore termico e la velocità della vettura. Una soluzione molto raffinata se si considera che nel sistema e-POWER il motore benzina non è collegato alle ruote della vettura. Inoltre, il sistema di propulsione e-POWER assicura una guida silenziosa: a bordo di X-Trail a 40 km/h il rumore a bordo si riduce di 8 db rispetto ai modelli concorrenti.

e-4ORCE, il 4×4 Nissan incontra il futuro

e-4ORCE è la tecnologia di trazione integrale più avanzata di Nissan, pensata per essere abbinata a propulsori elettrificati. La sua natura è nel suo nome, dove “e” sta per motore di trazione Nissan 100% elettrico, “4ORCE” sta per potenza e “4” per trazione integrale.

I due motori elettrici, uno per ogni asse, sono gestiti da un sofisticato sistema che regola la forza motrice e l’azione frenante sulle singole ruote, per garantire sicurezza, controllo e comfort di marcia senza precedenti su ogni tracciato, ogni superficie e in ogni condizione. Ad esempio, in curva, su strade bagnate o innevate, il veicolo segue fedelmente la traiettoria impostata dal guidatore.

La potenza totale è pari a 213 CV (157 kW), con motore posteriore da 128 CV (94 kW) e l’accelerazione bruciante. Bastano infatti 7 secondi per passare da 0 a 100km/hi. La forza motrice reagisce ai cambi di aderenza 10.000 volte più velocemente rispetto a un sistema 4WD meccanico tradizionale. Inoltre, la costante ridistribuzione della coppia, il bilanciamento pressoché perfetto dei pesi fra i due assi e la frenata rigenerativa anche sul motore posteriore garantiscono massima maneggevolezza e minimi beccheggio e rollio, che si traducono in comfort e piacere di guida superiori.

e-Pedal Step per la prima volta su X-Trail

Su X-Trail debutta l’e-Pedal Step, tecnologia già presente su altri modelli elettrificati Nissan che permette di accelerare e rallentare la vettura utilizzando esclusivamente il pedale dell’acceleratore.

L’e-Pedal Step, attivabile tramite un pulsante nella console centrale, in fase di rilascio del pedale dell’acceleratore rallenta X-Trail con una forza pari a 0,2 g, sufficiente a far accendere le luci posteriori dei freni, riducendo progressivamente la velocità del veicolo, senza però arrestarlo completamente. Il pedale del freno è sempre disponibile in caso di necessità.

Con e-Pedal Step la guida è più fluida e rilassante soprattutto in condizioni di traffico con numerosi stop e ripartenze e le manovre a bassa sono agevolate.

Tutti i vantaggi della piattaforma CMF-C

Come su Qashqai, anche il nuovo X-Trail è costruito sulla piattaforma CMF-C dell’Alleanza, che rappresenta l’avanguardia in termini di strutture e architetture tecnologiche nel settore automotive.

Per la realizzazione della scocca gli ingegneri hanno optato per un materiale più leggero e adottato sofisticate tecniche di stampaggio e saldatura, che aumentano la robustezza e riducono il peso. Per la prima volta il portellone posteriore di X-Trail è realizzato con un materiale composito, mentre le portiere anteriori e posteriori, i parafanghi anteriori e il cofano sono in alluminio.

Grazie alla piattaforma CMF-C, il nuovo X-Trail può montare un sistema aggiornato di sospensioni MacPherson sull’anteriore e un multi-link avanzato sul posteriore.

L’assetto del servosterzo è stato aggiornato e offre una migliore risposta, un migliore feeling nella parte centrale del campo di sterzata e una riduzione dell’attrito.

Tutto ciò contribuisce a migliorare il comportamento dinamico della vettura, il comfort, la precisione di guida e la sicurezza di guidatore e passeggeri.

Tecnologico e connesso con NissanConnect

Nuovo X-Trail è equipaggiato con un sistema di infotainment avanzato, che offre un’ampia gamma id servizi connessi, tra cui l’integrazione con gli smartphone, l’In-Car WiFi per collegare fino a sette dispositivi, e l’app NissanConnect Services per gestire e monitorare il veicolo da remoto.

Il display ad alta risoluzione NissanConnect da 12,3” dà accesso a tutte le funzioni di navigazione, intrattenimento e impostazione del veicolo, ed è compatibile sia con Android Auto® che con Apple CarPlay® (per quest’ultimo è disponibile anche la connessione wireless).

Lo schermo TFT multifunzione da 12,3” anche questo ad alta risoluzione, è configurabile per fornire al guidatore informazioni sul veicolo, la navigazione, il traffico o l’intrattenimento; è sufficiente utilizzare i comandi al volante per scorrere tra le diverse visualizzazioni. Per evidenziare il DNA giapponese, lo sfondo del TFT ha un motivo che ricorda il vetro intagliato giapponese “Kiriko”.

L’innovativo Head-Up Display (HUD) da 10,8 pollici, il più ampio della categoria, proietta le informazioni principali sull’itinerario, le funzioni di assistenza alla guida e le indicazioni stradali direttamente sul parabrezza, senza che il guidatore distolga gli occhi dalla strada.

Le funzioni Home-to-Car sono compatibili con i dispositivi Google Assistant e Amazon Alexa. Il sistema supporta un ampio ventaglio di comandi, fra cui la possibilità di inviare le destinazioni all’infotainment tramite il proprio smartphone, riducendo il tempo richiesto per inserire i dati di navigazione.

Grazie all’applicazione NissanConnect Services, è possibile tramite smartphone interagire da remoto con la vettura per aprire e chiudere le portiere, azionare il clacson e le luci. Inoltre, è disponibile un sistema di alert, che avverte se la vettura è utilizzata oltre un perimetro, un orario o una velocità prestabiliti. Una funzione preziosa per i genitori che danno la vettura in uso ai propri figli.

Seduti al posto di guida, è possibile attivare il sistema di comandi vocali per utilizzare comodamente una serie di funzioni e apparecchiature di bordo senza distogliere lo sguardo dalla strada.

Per la navigazione è possibile accedere a 3D Maps & Live Traffic, che include funzioni avanzate come gli aggiornamenti OTA (Over The Air) delle mappe, le condizioni del traffico in tempo reale, Google Street View e i prezzi del carburante. Tramite l’app è disponibili le funzioni di navigazione Door-to-Door e My Car Finder, quest’ultima molto utile per ritrovare la propria auto nei parcheggi affollati.

La connettività si estende a tutti gli occupanti con il box della console che ora offre connessioni di ricarica USB anteriori e posteriori con porte USB di tipo A e C.

Nuovo Pro PILOT Assist con Navi-link

Il nuovo X-Trail è dotato dell’ultima generazione del sistema Pro PILOT, che assiste il conducente in un numero sempre più ampio di situazioni. Denominato “Pro PILOT Assist con Navi-link”, è stato progettato per ridurre l’affaticamento e lo stress di chi è al volante anche grazie a un’interfaccia molto intuitiva.

Pro PILOT Assist con Navi-link può regolare accelerazione e frenata nella singola corsia quando si viaggia in autostrada. In situazioni di traffico, può rallentare la vettura fino a fermarla e può farla ripartire automaticamente (se l’arresto dura meno di 3 secondi) quando le vetture di fronte riprendono a muoversi.

A bordo del nuovo Nissan X-Trail il sistema è in grado di adattare la velocità del veicolo in base a un’aggiornata serie di circostanze esterne. Ad esempio, quando si viaggia in tratti autostradali con limiti di velocità più bassi, il sistema è in grado di leggere i segnali stradali e tenendo conto della velocità impostata dal navigatore può rallentare la vettura per rispettare i limiti in quel tratto, tutto senza che il guidatore debba regolare manualmente le impostazioni del navigatore. Il sistema, inoltre, acquisisce i dati dal navigatore ed è in grado di regolare la velocità nelle curve o sulle rampe delle uscite autostradali.

Ma non è tutto. Pro PILOT Assist con Navi-link può comunicare con i sensori radar del nuovo X-Trail che controllano gli angoli ciechi e può intervenire sullo sterzo per aiutare a prevenire il cambio di corsia se è presente un altro veicolo nella zona di angolo cieco.

Il sistema, inoltre, può intervenire per evitare incidenti in retromarcia in uscita dai parcheggi, grazie al perfezionamento del sistema Moving Object Detection, che ora può azionare i freni se rileva un ostacolo in movimento nelle vicinanze.

Sistemi di sicurezza attiva e passiva avanzati

La sicurezza a bordo è garantita dal nuovo Intelligent Forward Emergency Braking di Nissan con funzione predittiva. Un’avanzata tecnologia radar legge la strada oltre l’auto che precede e rileva se un veicolo frena improvvisamente. In tal caso, il sistema attiva l’impianto frenate per ridurre la probabilità di una collisione.

Maggiore sicurezza anche quando si viaggia di notte, grazie a sofisticati gruppi ottici che adattano la forma del fascio luminoso in base alle condizioni stradali e alla presenza di altri utenti. Il fascio è diviso in elementi singoli che si disattivano in modo selettivo se viene rilevato un veicolo in avvicinamento dalla direzione opposta. Grazie a questa innovazione, la luce dei fari resta ampia e profonda, ma il profilo proiettato cambia per non abbagliare gli altri guidatori.

Sempre in tema di sicurezza, è ora presente un nuovo airbag centrale, che si dispiega tra i due sedili anteriori, per evitare che gli occupanti urtino l’un l’altro in caso di impatto laterale. L’airbag centrale integra quelli di conducente e passeggero, così come quelli laterali e a tendina montati di serie sul nuovo X-Trail.

In anteprima presso le concessionarie Italiane con l’e-Xperience tour

L’e-Xperience Tour è il roadshow che offre ai clienti italiani la possibilità di conoscere in anteprima, presso le concessionarie Nissan, i nuovi modelli elettrificati della casa giapponese. Dopo Ariya, Juke Hybrid e Qashqai e-POWER, parte oggi l’e-Xperience tour del nuovo X-Trail.

Entrare in contatto con il nuovo X-Trail è semplice. Basta andare sul sito nissan.it, individuare la tappa dell’e-Xperience Tour più comoda e poi recarsi presso la concessionaria Nissan o contattarla per fissare un appuntamento.

I consulenti alle vendite Nissan sono a disposizione dei clienti per accompagnarli alla scoperta di nuovo X-Trail, l’unico SUV elettrificato sette posti del mercato pe le avventure in famiglia. Nuovo Nissan X-Trail è disponibile in 4 allestimenti, con prezzi a partire da 38.080 euro e può essere ordinato presso le concessionarie della rete Nissan

Leggi di più

Nuova Mégane E-TECH Electric: l’innovazione “silenziosa”

Sono circa 125 anni che Renault non smette di innovare. Le sue invenzioni hanno superato la prova del tempo e noi le utilizziamo tutti i giorni anche senza saperlo. Trasmissione a presa diretta (1899), eliminazione della manovella sostituita da un sistema di avviamento automatico (1909), sterzo meccanico a cremagliera (1950), invenzione della “quinta porta” (1961), “plip” di chiusura delle porte a raggi infrarossi (1983), chiave Keyless Entry (2000), ecc. Tutte queste invenzioni sono di Renault!  Con Nuova Mégane E-TECH Electric, primo veicolo della Nouvelle Vague, Renault continua ad innovare. Oltre 300 brevetti sono già stati depositati in fase di progettazione del veicolo e della sua piattaforma.

Nuova Mégane E-TECH Electric

A bordo di Nuova Mégane E-TECH Electric, si apprezza immediatamente il silenzio. Si ha come l’impressione di viaggiare avvolti in un bozzolo. Certo, i motori elettrici sono di per sé silenziosi, ma in questo abitacolo si è anche assolutamente protetti dai rumori di rotolamento.  

Per migliorare l’acustica del veicolo guadagnando al tempo stesso spazio tra il pianale e la batteria, abbiamo sostituito i due materiali più pesanti del pianale stesso con una nuova schiuma ammortizzante. Questa ricopre tutta la superficie della batteria situata sotto al pianale per garantire l’omogeneità del tutto e creare una maggiore sensazione di silenzio nell’abitacolo, che diventa così un vero e proprio bozzolo.
Sofiane Amaanan, Capo Progetto Sviluppo e Innovazione della Direzione dell’Ingegneria Attività e Progetti Veicoli di Renault

I vantaggi apportati dall’innovazione

Il nuovo sistema di insonorizzazione di Mégane E-TECH Electric offre diversi vantaggi:

  • Miglior isolamento acustico del veicolo (-10d bB);
  • Maggiore abitabilità per i passeggeri;
  • Migliore autonomia grazie alla riduzione del peso di oltre 3 kg.  

Un nuovo processo

Gli inventori hanno eliminato gli elementi tradizionalmente usati per l’insonorizzazione sotto la moquette del veicolo, tra cui anche la pesante massa di resina, e hanno introdotto una nuova schiuma ammortizzante brevettata sotto il pianale di Nuova Mégane E-TECH Electric. La schiuma si adatta perfettamente alla forma del pianale nella parte superiore e al contenitore della batteria nella parte inferiore. Essendo compressa, assorbe le vibrazioni riducendo il riverbero acustico del pianale e creando una maggiore sensazione di silenzio nell’abitacolo.

Quest’innovazione ha anche consentito di ridurre lo spessore del pianale, offrendo maggiore abitabilità ai passeggeri, e di diminuire il peso per una migliore efficienza energetica e, pertanto, una maggiore autonomia.

Leggi di più

MINI, “This Toy is Electric”. Il divertimento del futuro è elettrico e all’aria aperta

MINI combina per la prima volta il massimo divertimento di guida all’aria aperta con la mobilità elettrica senza emissioni locali presentando un esemplare unico non in vendita della MINI Cooper SE Cabrio. Anteprima mondiale al “MINI takes the States” negli Stati Uniti

MINI

Sole, temperature in aumento, paesaggi verdi e freschi: MINI presenta per la prima volta la MINI Cooper SE completamente elettrica in versione cabrio giusto in tempo per l’estate. Non come auto di serie, ma come esemplare unico che mostra come potrebbe continuare la trasformazione del marchio premium in completamente elettrico e rendere elettrificata anche la classica guida sportiva. Con quattro posti aperti, la MINI Cooper SE Cabrio è l’unica cabrio premium al mondo con una trasmissione completamente elettrica nel segmento delle piccole auto. Con questa vettura di punta, il marchio britannico unisce per la prima volta la sportività classica, il massimo divertimento di guida a cielo aperto e la mobilità elettrica senza emissioni locali.

Il modello unico sarà presentato per la prima volta al pubblico in occasione dell’ormai classico evento “MINI Takes the States” negli Stati Uniti. Le strade tortuose tra Burlington, nel Vermont, e Greenville-Spartanburg, in South Carolina, sono perfette per toccare con mano il tipico go-kart feeling di MINI, a bordo di una MINI Cooper SE Cabrio.

Questo esemplare è basato sulla carrozzeria della MINI Cooper S Cabrio. La MINI Cabrio elettrificata ha le stesse dimensioni di 3.863 mm di lunghezza con un passo di 2.495 mm, una larghezza di 1.727 mm e un’altezza di 1.415 mm. Anche il volume di carico del bagagliaio rimane invariato a 160 litri.

La tecnologia di propulsione proviene dai centri di competenza per la mobilità elettrica del BMW Group a Dingolfing e Landshut. La MINI Cooper SE Cabrio utilizza gli stessi componenti di propulsione della MINI Cooper SE a tre porte. La distribuzione del carico sull’asse, eccezionalmente armoniosa grazie al piccolo motore elettrico, favorisce la maneggevolezza e la facilità di controllo. Anche con la capote abbassata.

Il motore elettrico da 135 kW/184 CV, come nella MINI Cooper SE, porta la maneggevolezza e il caratteristico go-kart feeling nel mondo della mobilità elettrica e consente un’accelerazione da fermo da 0 a 100 km/h in 7,7 secondi. Con un’autonomia di 230 chilometri determinata nel ciclo di prova WLTP, sono possibili escursioni a cielo aperto sia in ambiente urbano che oltre i confini della città. La MINI Cooper SE Cabrio combina il divertimento di guida a cielo aperto con funzionalità intelligenti. La capote in tessuto, completamente elettrica e quindi particolarmente silenziosa, può essere aperta e chiusa in 18 secondi. Premendo un pulsante, la capote può essere attivata fino a 30 km/h e consente tre impostazioni: aperta, chiusa o come tetto apribile.

Con questa one-off, MINI si rivolge alla comunità sempre più numerosa di fan del marchio che amano il divertimento di guida all’aria aperta e, allo stesso tempo, contribuisce ad elettrizzare il mercato globale dei veicoli – in modo sostenibile, trasparente e comprensibile.  Il successo della trasformazione del marchio MINI verso la mobilità elettrica è dimostrato in modo particolarmente impressionante dall’esempio del modello MINI Cooper SE. Con una crescita di oltre il 132%, questo modello è stato il motore del marchio MINI nel 2021. In Germania, il mercato più grande per la MINI Cooper SE, quasi una MINI su tre è già elettrificata. Per rendere sostenibile questo entusiasmo per la guida elettrificata, MINI rende facile e conveniente la ricarica quotidiana. MINI Charging offre ai guidatori MINI in Germania soluzioni flessibili per la ricarica a casa e al lavoro, oltre all’accesso a una delle più grandi reti di ricarica pubbliche in Europa, che comprende più di 250.000 punti di ricarica.

Potrebbe interessarti – MINI Concept Aceman: il primo crossover completamente elettrico della nuova famiglia MINI

Leggi di più

Forza Horizon 5, CUPRA Tavascan XE arriva su Xbox

I fan potranno mettere alla prova le proprie abilità e le doti motoristiche nell’off road elettrico con CUPRA Tavascan XE, proprio come i piloti del team ABT CUPRA XE Nasser Al-Attiyah e Jutta Kleinschmidt, nell’ultima versione del gioco Forza Horizon 5.

CUPRA Tavascan XE

Forza, franchising di videogiochi racing, partner ufficiale gaming dell’Extreme E, ha sviluppato il più reale e completo Forza Horizon di sempre, che include CUPRA Tavascan XE in livrea ufficiale tra le vetture con cui gareggiare sulla console Xbox.

Forza Horizon 5 permetterà a un nuovo pubblico di conoscere la CUPRA Tavascan XE 100% elettrica e di scoprire sia il marchio CUPRA che il campionato Extreme E da una nuova prospettiva.

Nuove sfide attendono i giocatori che potranno così sbloccare varianti uniche che li aiuteranno a progredire e acquisire oggetti collezionabili dell’Extreme E.
“Il mondo virtuale è uno spazio in rapida crescita dove i brand possono ospitare eventi ed esperienze emozionanti da condividere che prima erano accessibili solo a pochi eletti. Per esempio, finora, solo Nasser Al-Attiyah e Jutta Kleinschmidt hanno potuto gareggiare nell’Extreme E con CUPRA Tavascan XE”, afferma Antonino Labate, Direttore Globale Strategia, Sviluppo Business e Operazioni di CUPRA.

“Invece ora tutti possiamo condividere queste esperienze e andare oltre quello che l’industria automobilistica è stata in grado di offrire finora”.

“La collaborazione tra Extreme E e Forza Horizon 5 permette ai nostri fan di immergersi nell’innovativa cultura completamente elettrica di CUPRA e vivere in prima persona quello che abbiamo sempre fatto – affrontare gli eventi motoristici più estremi all’insegna della passione”.

“CUPRA è emozione. È un brand guidato dalle prestazioni e offre esperienze che vanno oltre quello che offre il mondo automotive – e questo è un ulteriore passo dove il mondo virtuale e il mondo reale si mescolano, e dove l’adrenalina e l’emozione che ne derivano della nostra partecipazione a Extreme E possono essere vissute e condivise da un grande pubblico”.

Potrebbe interessarti – CUPRA verso il Campionato Extreme E 2022

Leggi di più

Nuova Mégane E-TECH Electric: full immersion nelle innovazioni

Renault, pioniere dell’elettrificazione, sfrutta ogni anno il suo know-how per sviluppare innovazioni al servizio dei veicoli elettrici. Se la miniaturizzazione delle batterie e l’aumento della loro autonomia svolgono un ruolo di primo piano nelle attività di ricerca e sviluppo, anche il motore non scherza.

Nuova Mégane E-TECH Electric

Renault punta sul ruolo strategico del motore nella catena del valore elettrica e ha persino deciso di progettarlo internamente, dall’inizio alla fine. La produzione e l’assemblaggio di qualsiasi componente attivo (rotore, statore, elettronica di potenza, riduttore) avvengono alla Manufacture de Cléon (Dipartimento della Senna Marittima) utilizzando meno materiali ed energia, mentre le attività di R&S si concentrano presso il Technocentre di Guyancourt (Dipartimento delle Yvelines).

Il nuovo sistema a rotore avvolto di Mégane E-TECH Electric offre diversi vantaggi:

  • Sistema più rispettoso dell’ambiente perché privo di magneti e quindi di terre rare;
  • Robustezza e affidabilità;
  • Rendimento ottimizzato limitando l’uso dell’energia elettrica (grazie alla modulabilità della corrente) e quindi meno spreco di energia, soprattutto ad alte velocità, in autostrada;
  • Riduzione dei costi di produzione, grazie all’utilizzo di questa tecnologia per i motori di ZOE, Twingo E-Tech Electric, Kangoo E-Tech Electric e Master E-Tech Electric, tutti prodotti sulla stessa linea a Cléon.

Grazie al nuovo brevetto, Renault ha progettato un motore sincrono a rotore avvolto senza magneti permanenti per Nuova Mégane E-TECH Electric. Questa tecnologia migliora il rendimento del motore riducendo, al tempo stesso, il suo impatto ambientale. Basta con le terre rare, questi metalli tanto difficili da riciclare, come il neodimio, la cui estrazione e lavorazione producono rifiuti tossici. I magneti sono sostituiti da bobine di rame con fili appositamente ordinati e organizzati in modo da resistere alla forza centrifuga del rotore.

Oltre al vantaggio ecologico, la tecnologia del rotore avvolto offre al motore di Mégane E-TECH Electric un ottimo rendimento su un’ampia gamma di coppie e velocità. A differenza dei motori a magneti permanenti, grazie alla loro invenzione, gli ingegneri Renault hanno potuto regolare il livello di eccitazione magnetica tramite la corrente immessa nel rotore avvolto. Per cui, quando il motore non ha bisogno di essere fortemente sollecitato, l’eccitazione può essere ridotta, diminuendo così l’attuazione magnetica nel motore e le relative perdite.

Potrebbe interessarti – Nuova Megane E-Tech Electric e la batteria più sottile del mercato

Leggi di più

Nuovo Renault Kangoo Van E-tech electric, per chi non si ferma mai

Eletto International Van Of The Year 2022, il nuovo veicolo commerciale Nuovo Renault Kangoo Van ha saputo rinnovarsi con un volume di carico utile fino a 3,9 m3, numerosi ADAS e tutta una serie di innovazioni, tra cui “Open Sesame by Renault”, che offre la miglior apertura laterale del mercato con 1,45 m.

Eletto International Van Of The Year 2022, il nuovo veicolo commerciale Nuovo Renault Kangoo Van ha saputo rinnovarsi con un volume di carico utile fino a 3,9 m3, numerosi ADAS e tutta una serie di innovazioni, tra cui “Open Sesame by Renault”, che offre la miglior apertura laterale del mercato con 1,45 m.

Il 2022 è l’anno del rinnovamento della gamma commerciale al 100% elettrica, la cui punta di diamante è Nuovo Renault Kangoo Van E-Tech Electric che a breve sarà affiancato dalla nuova versione da 52 kWh di Master E- Tech 100% elettrico.

Con un’autonomia record di 300 km (in ciclo WLTP), questa versione elettrica non fa compromessi sul volume di carico e sulle innovazioni della versione termica di Kangoo Van, introducendo al tempo stesso soluzioni di mobilità flessibili che lo rendono adatto per l’uso in ambiente urbano, ma non solo.

Renault torna sul piccolo schermo con una nuova campagna che celebra gli operatori professionali.

Il video realizzato da Tom Kuntz, vincitore del Director’s Guild Of America, e dal Direttore della fotografia Linus Sandgren, vincitore dell’Oscar per il film Lalaland, mescola transizioni creative ed effetti speciali immergendoci nell’intensa quotidianità di un artigiano conciatetti. Il tutto è scandito dalla musica di Effetto Notte (La nuit américaine) di Georges Delerue.

La telecamera segue tutto il giorno il protagonista della storia che va di cantiere in cantiere, in paesaggi tanto diversi quanto mozzafiato: dai tetti di Parigi al mare, passando per la campagna e i quartieri business, per portare a termine i suoi progetti.

Tenendo questo ritmo frenetico, l’operatore professionale ha bisogno di un veicolo che sia all’altezza delle sue ambizioni, un incrollabile alleato “per chi non si ferma mai”: Kangoo Van E-Tech Electric.

« Partito con le campagne di lancio del veicolo commerciale Renault Kangoo Van ” Open  Sesame” e di Trafic Van ” Vedete le cose in grande “,  il nuovo campo di espressione della Marca Renault per i veicoli commerciali prende pienamente senso quando si tratta di valorizzare gli operatori professionali e i loro successi. Kangoo Van E-Tech Electric segna l’inizio di una nuova saga pubblicitaria sui veicoli commerciali di Renault con una straordinaria qualità di realizzazione che coinvolge i migliori talenti. Tutto questo mantenendo la coerenza musicale che garantisce la nostra forza di impatto su tutti i mercati»
Sophie Jaguelin, Direttrice Expert Brand Content di Renault.

Trasmessa in televisione e sui supporti digitali, la campagna internazionale sarà diffusa da Giugno in Europa e, successivamente, nel resto del mondo. 

Leggi di più