Motori Green è tutto ciò che c'è da sapere sul mondo dei motori elettrici.

In occasione del Salone dell’auto di Shanghai 2021, debutta la berlina-coupé Audi A6 e-tron concept: anticipa un’innovativa gamma di vetture a zero emissioni basata sulla piattaforma nativa elettrica PPE (Premium Platform Electric). I primi modelli dotati del pianale PPE verranno presentati entro la fine del 2022: inizialmente apparterranno al segmento E, successivamente anche al segmento D. Tra le novità spiccano sia SUV della generosa luce da terra sia modelli fortemente dinamici dal baricentro ribassato, come la futura Audi A6 e-tron, testimonianza dell’eccezionale versatilità tecnica della piattaforma PPE.

Sintesi di eleganza e sportività, Audi A6 e-tron concept adotta, come accennato, il pianale Premium Platform Electric (PPE), garante di un marcato dinamismo e, al tempo stesso, di una spiccata fruibilità quotidiana. Caratteristiche sottolineate da un lato dall’autonomia sino a oltre 700 chilometri WLTP, dall’altro dallo scatto da 0 a 100 km/h in meno di quattro secondi.

Disegnata in galleria del vento: CX di 0,22 e specchietti laterali virtuali

Audi A6 e-tron è votata all’efficienza aerodinamica. Una caratteristica da sempre condivisa con la famiglia Audi A6, come testimoniato dal coefficiente di resistenza aerodinamica (CX) di 0,30 appannaggio della terza generazione di Audi 100: nel 1982 il riferimento assoluto della categoria.

Audi A6 e-tron concept

Oggi, Audi A6 e-tron concept scrive un nuovo capitolo di questa storia di successo, confermando come il Marchio coniughi forma e funzione. La show car dei quattro anelli può contare su di un CX di 0,22, di riferimento per il segmento E BEV. Una ridotta resistenza aerodinamica significa minori consumi di energia e, conseguentemente, maggiore autonomia.

Le sportività di Audi A6 e-tron concept è ribadita dai cerchi in lega da 22 pollici, dagli sbalzi ridotti, dalla cellula abitacolo dal contenuto sviluppo verticale e dalla linea di coda in stile coupé. Alla rinuncia agli spigoli nitidi e ai tratti affilati della carrozzeria fanno seguito aree di transizione soft delle superfici che, alternando finiture concave e convesse, danno vita a un gioco cangiante di luci e ombre. Nella vista laterale, Audi A6 e-tron concept appare monolitica, quasi fosse ricavata da un unico blocco. La linea di cintura ascendente è in stile tipicamente Sportback, così come i contenuti ingombri dei montanti C e i passaruota muscolosi che enfatizzano la generosa impronta a terra della vettura.

La collocazione della batteria tra gli assali è sottolineata dagli inserti neri lungo la sezione inferiore delle fiancate: un elemento di design condiviso dall’intera gamma elettrica Audi. Di derivazione Audi e-tron e Audi e-tron Sportback gli specchietti retrovisivi laterali virtuali, le cui immagini, riprese mediante le telecamere poste alle estremità dei supporti, vengono visualizzate in abitacolo mediante schermi dedicati alla base dei montanti anteriori. Tipicamente e-tron anche il frontale, caratterizzato dal single frame “chiuso” ai cui lati spiccano le prese d’aria per il sistema di raffreddamento del powertrain, dell’accumulatore e dei freni. I proiettori, simili a sottili bande luminose, si contraddistinguono per il marcato sviluppo longitudinale: un dettaglio che enfatizza la linea slanciata della vettura.

Audi A6 e-tron concept

La zona posteriore di Audi A6 e-tron concept è integralmente votata all’aerodinamica: alla “palpebra” sovrastante i gruppi ottici, naturale prolungamento della linea di coda, si accompagna il generoso estrattore. Entrambi gli elementi concorrono alla radicale riduzione delle turbolenze e a garantire elevati valori di deportanza. L’efficienza della show car dei quattro anelli è ulteriormente rafforzata dalla verniciatura Argento elio, in grado di contenere il riscaldamento dovuto all’irraggiamento solare al punto da ridurre il ricorso alla climatizzazione: uno dei fattori di maggior dispendio energetico.

Lighting: funzioni cinematografiche e OLED tridimensionali

I sottili proiettori anteriori e i gruppi ottici posteriori si presentano decisamente slanciati e perfettamente integrati nelle superfici della carrozzeria. Audi A6 e-tron concept si affida alle tecnologie Matrix LED e OLED. I LED sono protagonisti anche lungo le fiancate, grazie a tre piccoli proiettori che all’apertura delle portiere trasformano l’asfalto in palcoscenico: guidatore e passeggeri vengono accolti da molteplici animazioni luminose e da scritte di benvenuto. Alla raffinatezza estetica si accompagna la sicurezza: i proiettori laterali danno vita anche a degli avvertimenti, ad esempio ai ciclisti in arrivo qualora si stiano aprendo le portiere. Quattro ulteriori unità a LED, integrate a scomparsa agli angoli della vettura, visualizzano a terra le segnalazioni degli indicatori di direzione.

I proiettori anteriori Matrix LED generano animazioni di qualità cinematografica. Se, ad esempio, la show car elettrica viene parcheggiata davanti a una parete durante la ricarica, il conducente e i passeggeri possono trascorrere il tempo proiettando su di essa un videogioco, concepito e sviluppato appositamente per Audi A6 e-tron concept, e utilizzando i propri smartphone come joystick.

Quanto ai gruppi ottici posteriori, la concept dei quattro anelli si avvale della tecnologia OLED. I diodi a emissione di luce organici fungono da display nella zona centrale della banda luminosa continua. Anche in questo caso possono essere realizzate molteplici scenografie e firme luminose, commutabili dal Cliente. Gli OLED, nello specifico, sono caratterizzati da un’innovativa architettura tridimensionale in grado di adattarsi alla conformazione della carrozzeria. Il design notturno diviene parte integrante del look della vettura e le animazioni luminose dinamiche si contraddistinguono per la profondità, creando un avanguardistico effetto spaziale.

In aggiunta alle funzioni d’illuminazione, i proiettori adattano il fascio luminoso in funzione delle condizioni del traffico, meteo a ambientali, trasmettendo le informazioni, in special modo le segnalazioni di pericolo, anche agli altri utenti della strada per mezzo di segnali visivi.

Pianale PPE: batteria piatta e trazione posteriore o integrale quattro elettrica

La piattaforma PPE, nativa elettrica, si avvale di un modulo batteria collocato tra gli assali, nel caso di Audi A6 e-tron concept con capacità di 100 kWh. Sfruttando l’ampiezza del pianale, Audi conferisce un layout piatto all’accumulatore ad alta tensione. Per la prima volta diviene così possibile realizzare su di un’unica piattaforma non solo vetture “a pianale alto”, con una generosa luce da terra, ma anche auto dal baricentro fortemente ribassato e dal comportamento spiccatamente dinamico; come Audi A6 e-tron concept.

Le dimensioni della batteria e il passo delle vetture basate sulla piattaforma PPE sono scalabili. Il pianale è pertanto adatto a più segmenti di mercato, conservando come minimo comun denominatore l’abbinamento dell’interasse lungo agli sbalzi ridotti, a vantaggio del design e, soprattutto, dell’abitabilità. La generosità degli spazi interni è ulteriormente sottolineata dall’assenza del tunnel della trasmissione.

La trazione integrale quattro, icona tecnica del Brand, è una delle configurazioni previste dalla piattaforma PPE ed è basata sulla presenza di due motori elettrici: uno in corrispondenza di ciascun assale. Le versatilità del pianale PPE è rafforzata dalla possibilità di optare, qualora si desideri massimizzare efficienza e autonomia, per la trazione posteriore, affidata a un unico propulsore a zero emissioni collocato al retrotreno. Audi A6 e-tron concept, nello specifico, si avvale di due motori elettrici che erogano complessivamente una potenza massima di 476 CV e una coppia di 800 Nm. Lo schematismo dell’avantreno è a cinque bracci, mentre il retrotreno segue una configurazione multilink. Le sospensioni sono di tipo pneumatico adattivo.

Ricarica a 270 kW in DC: 300 chilometri di autonomia in 10 minuti

Analogamente alla Granturismo Audi e-tron GT, la batteria di Audi A6 e-tron concept è caratterizzata da una tensione nominale di 800 Volt che consente la ricarica in corrente continua (DC) con potenze sino a 270 kW. Un valore, quest’ultimo, per la prima volta esteso a un modello di grande serie e che consente di avvicinare le tempistiche di rifornimento delle auto tradizionali. È infatti possibile assorbire in 10 minuti energia sufficiente per percorrere circa 300 chilometri WLTP, mentre in meno di 25 minuti il livello di carica della batteria passa dal 5% all’80%. Tempistiche che, in abbinamento a un’autonomia massima di 700 chilometri, rendono Audi A6 e-tron concept una prima auto di famiglia, adatta sia al commuting urbano sia ai lunghi trasferimenti.

Quanto alle prestazioni, le versioni d’ingresso di Audi A6 e-tron concept accelerano da 0 a 100 km/h in meno di sette secondi, mentre le varianti top di gamma coprono lo 0-100 km/h in meno di quattro secondi.

Inserisci un commento